Donna continuamente sull’orlo di una crisi di… stupore

“Io continuo a stupirmi. È la sola cosa che mi renda la vita degna di essere vissuta.

Lo so. Può sembrare banale cominciare qualsiasi cosa con uno degli aforismi di Oscar Wilde, ma questa frase riassume in maniera netta la mia filosofia.

In questi tempi incerti, farsi travolgere dagli eventi senza comprenderne bene cause e conseguenze è molto facile. Ecco perché credo che la meraviglia sia un’àncora di salvezza importantissima per rimanere con i piedi per terra e perseverare. E quando parlo di stupore e meraviglia, non intendo solo la loro accezione positiva, sia chiaro.

Ma facciamo un passo indietro.

Sono Roberta. Vivo a Ferrandina praticamente da sempre (escluso un breve lustro vissuto a Lecce per l’Università), e mi ritengo, ormai, materana d’adozione e cittadina del mondo.

Attualmente, tra le tante cose, lavoro come social media manager per un’agenzia di comunicazione e gestisco una web radio.

Molti potrebbero esclamare: “Figo!” – come sono vintage con quest’espressione.

Beh, sìfondamentalmente lo è. Perché il cervello deve essere sempre in moto, perché hai modo di conoscere tanta gente, perché devi essere sempre aggiornatissimo sulle ultime novità e pronto a cogliere l’attimo, attingendo da mille mila esperienze di vita diverse, perché essere creativo è paragonabile a poter esprimente liberamente la propria personalità. E ti pagano pure per questo!” (cit.) – la web radio no, è volontariato. Per ora.

Però, molti esclamano anche (e lo fanno): “Ah, bene, praticamente stai tutto il giorno su Facebook. Bello lavorare così”. E tu prendi e porti a casa, anche se cerchi di darti la dignità che ti spetta quando ti riesce, spiegando un po’ che non è proprio quello il tuo lavoro, ma va bene, prima o poi passerò dall’essere un paparazzo del web a una che lavora nella comunicazione digitale.

Raccontata così, ecco perché sembra riduttivo cercare di spiegare che il lavoro creativo è molto, ma molto complesso, soprattutto nel mondo digitale e se:

  1. è importantissima la competenza – fattore molto spesso sottovalutato perché certe cose sono alla portata davvero di tutti;
  2. vivi in un territorio – mi dispiace ammetterlo – in cui l’evoluzione del web è in fase embrionale, mentre il mondo corre ed è già arrivato almeno alla sua adolescenza informatica;
  3. la tua propria componente caratteriale non prescinde dall’insicurezza (ma lo considero, in fondo, un bene per mettermi sempre alla prova);
  4. non è sempre tutto rosa e fiori, soprattutto nei confronti con i tuoi “simili” (da leggere considerando per bene i punti 1, 2 e 3).

Bene. Comprendete, allora, il perché lo stupore sia stato grande, ma piacevole, quando un giorno Stefania persona a cui devo molto della mia formazione e una delle poche con cui riesca a mantenere un confronto sano e costruttivo – mi ha contattata per dirmi “ho grandi idee e vorrei che tu ne prendessi parte”.

E per grandi idee intendeva dire proprio idee grandi, di quelle che non sai se ce la potrai fare a collaborareperché ti senti piccola, piccola – eccola lì, l’incertezza – e che subito mi hanno fatto pensare e chiedere 

Perché proprio io? Ce la farò? Sai che è una bella sfida, vero?

Va bene, sono un po’ troppo negativa, lo so. Ma la risposta è stata: ok, proviamo. Vediamo. Facciamo. Cominciamo. Posso esserne capace con l’impegno di sempre e di più, come sempre.

E ho accettato. Senza più se e ma. Per stupirmi e mettermi alla prova. Per imparare ancora e confrontarmi con altre splendide fanciulle (Cia, appena conosciuta ma una gran bella scoperta, e Francesca, una tempesta zen e positiva da cui ti lasci volutamente trasportare) e da tante e tanti altri che so arriveranno.  

Ed eccomi qui, a scrivere questo stream of consciousness su una nuova esperienza da cui poter attingere e in cui poter dare.

Senza presunzioni, senza moti d’orgoglio, se non quello di poter contribuire, nel mio piccolo, a raccontare e portare (spero!) un po’ di impressioni su questo mondo in totale e continuo divenire.

Per il momento, continuo a stupirmi, sperando di poterlo fare sempre di più, insieme.

Chissà come andrà. Vedremo. Noi, l’impegno, ce lo mettiamo. Ed è solo l’inizio.

 

[Photo by Giusy Schiuma]

Matera 2019 a caccia di 40 talenti

Il 2019 è sempre più vicino e la Fondazione Matera 2019 cerca 40 talenti da inserire nel processo di Build Up per i ruoli di Change Makers e Linkers.

Ovvero?

I Matera Change MAKERS hanno un profilo legato alla pianificazione, sviluppo, produzione, monitoraggio e rendicontazione dei progetti culturali, con attenzione e conoscenza dei processi di produzione culturale da un lato e dall’altro con attenzione al monitoraggio dei tempi e dei budget di produzione.

I Matera Linkers sono audience developers e community builders il cui lavoro è collegare le iniziative culturali ai potenziali gruppi target, stabilendo relazioni sostenibili, in un rapporto quanto più possibile personalizzato.

Leggete il bando, candidatevi e in bocca al lupo!

Cerchiamo talenti

Ogni giorno proviamo a rendere il Comincenter il luogo delle opportunità e degli incontri tra persone e aziende.

 

20 ottobre | Career Day con Fabers Slow Sud

Fabers opera in 3 ambiti: archeologia – cultura – turismo, facendo sì che per osmosi ciascuno contamini l’altro e prenda materia e materiali per raccontare il Sud.

Fabers sta crescendo e Francesca, che si occupa della parte turistica, ha bisogno di un aiuto. Per questo sta cercando un addetto alle vendite per l’agenzia viaggi che abbia preferibilmente esperienza e che conosca l’inglese.

La parte interessante è legata alle modalità di selezione, attraverso un Career Day!

Il Career Day funziona così:

  • 14 ottobre  – termine ultimo per l’invio del proprio Cv
  • 16 ottobre – prima selezione sulla base dei curricula ricevuti (sì, come sapete ormai bastano 6 secondi!)
  • 17 ottobre – invito a partecipare al Career Day ad un massimo di 10 persone
  • 20 ottobre – giornata di Career Day al Comincenter + colloqui individuali negli uffici di Fabers

Poi ci prendiamo qualche giorno per pensare e decidere e manderemo a tutti una comunicazione sugli esiti.

Se vuoi candidarti ti basterà inviare il tuo Cv entro il 14 ottobre all’indirizzo f.paiano@fabers.it

 

27 ottobre |Open Career Day in collaborazione con in.Hr, Agenzia per il lavoro

In.Hr è un’agenzia per il lavoro e da quest’anno è partner del Comincenter. Insieme vogliamo offrire un’opportunità a chi sta cercando lavoro nel nostro territorio e non solo.

Questo Career Day è gratuito e aperto a tutti, che tu sia un panettiere o una ingegnere, un commesso o una segretaria amministrativa, non fa differenza!

Dalle 10.00 alle 18.00 potrai presentarti, consegnare il tuo CV e incontrare i recruiter di in.Hr, Agenzia per il lavoro!

Per segnalare la tua partecipazione ti basterà inviare una mail a stefania@comincenter.com indicando “partecipazione career day” nell’oggetto. Ti aspettiamo!

 

Modern University: Iscrizioni aperte all’Unibas!

Alzi la mano chi di voi non ha mai visto questa serie!  😁

L’Unibas apre le iscrizioni alle future matricole con una campagna pubblicitaria divertente in cui protagonisti in prima linea sono gli studenti dell’Ateneo. #HoSceltoUnibas, sono tanti i buoni motivi per studiare in Basilicata: un Ateneo inclusivo, “su misura” in cui gli studenti non sono solo numeri di matricola, moderno, attrezzato e circondato da risorse naturali, storiche e architettoniche – tra cui Matera, Capitale della Cultura per il 2019 – che ne fanno un “laboratorio a cielo aperto”. Alla base anche i dati forniti da Almalaurea, secondo cui il 91% dei laureati nell’Unibas ha dichiarato di essere soddisfatto del corso di studi frequentato e del rapporto con i docenti.

Diversi i corsi con accesso a numero programmato che vi consigliamo di non farvi sfuggire, quindi occhio alle date e in bocca al lupo!

 

[su_button url=”https://rebrand.ly/iscrizioni-unibas” target=”blank” size=”10″ center=”yes” radius=”5″]Vai su Unibas.it[/su_button]

Il Comincenter a Roma per “le sfide dei millenials”

Con Fondazione Nenni e FNG per raccontare in Italia il processo innovativo made in Basilicata su politiche attive del lavoro

Si è tenuto questa mattina a Roma, presso la sede nazionale della UIL, Go Beyond il V seminario Giovani e Impresa: le sfide dei millennials, organizzato da Fondazione Nenni e Forum Nazionale dei Giovani. Fra i relatori, il CEO Universosud Antonio Candela ha presentato il progetto Comincenter: un processo innovativo senza precedenti e punto di riferimento a livello nazionale per le politiche attive del lavoro. Focus della giornata i temi del lavoro e delle imprese giovanili, ne abbiamo discusso con Oreste Pastorelli, Deputato, VIII Commissione Agricoltura, Ambiente, Chiara Gribaudo, Deputata, XI Commissione Lavoro pubblico e privato, Maria Freitas, Ricercatrice FEPS. Carlo Fiordaliso della UIL Nazionale ha coordinato i lavori.

UIL Nazionale con la Fondazione Nenni e FNG, hanno elogiato lo staff del Comincenter per il progetto e per le modalità in cui è stato realizzato nella città di Matera, e successivamente invitato Candela e tutto lo staff a partecipare, nelle prossime settimane, ad ulteriori appuntamenti in tutta Italia per diffondere questo modello innovativo made in Basilicata.

“Da qui parte il tour del Comincenter – dichiara Candela ringraziando il Forum Nazionale dei Giovani e la sua presidente Maria Pisani che da subito ha creduto in questo progetto – un viaggio per dire da giovani ai giovani che la parola crisi non è un limite ma un’opportunità, che ognuno di noi è una risorsa preziosa, che basta cambiare il punto di vista e ripartire da noi stessi per cambiare lo stato delle cose.”

 

[gmedia id=7]

Comincenter ed Eppela portano il crowdfunding in Basilicata!

[button text=”iscriviti al corso” url=”http://www.comincenter.com/prodotto/crowdfunding-con-eppela/” background_color=”#0095ff” text_color=”#ffffff” style=”lt_flat” size=”small” icon=”” open_new_window=”false” rounded=”true”]

 

MATERA – Dal 27 al 29 aprile prossimi, la piattaforma di crowdfunding più famosa d’Italia sarà al Comincenter per un corso esclusivo! Che cos’è il crowdfunding reward based? La soluzione alternativa per chi ha un’idea creativa ma non i fondi per realizzarla, per chi è stanco di rincorrere il burocratese dei bandi pubblici. Il crowd funding è, detto in breve, un sistema di raccolta fondi su web, che riconosce dei premi ai sostenitori di un progetto.

A svelare i segreti di questo mondo, che si basa sul supporto economico della web community, Francesco Di Candio: Designer, docente presso l’Istituto Europeo di Design a Torino, un passato in Grom, Sparco, Bulgari ed altri brand. A seguito di una campagna di crowdfunding si avvicina alla piattaforma Eppela, entrandoci come project manager un anno dopo. 24 mesi per divenire project leader, guidando la piattaforma italiana.

“Eppela – ci spiega Francesco – è nata a Lucca nel 2011 ed è diventata la più importante piattaforma di Crowdfunding, reward-based per creativi e startup. Eppela è un punto d’incontro fra chi desidera realizzare la propria ‘impresa’ e il sostegno delle community generando una grande visibilità. I Partner di Eppela? Poste Italiane, Miur, VISA, Radio 24, Lucca Comics & Games .
I suoi numeri? Il 60% di progetti ha successo sul totale di quelli pubblicati , sono più di 3.000 i progetti finanziati , per un totale di 3.500.000 € di co-finanziamento erogato dai mentor , 20 milioni volume di offerte.”

“Comincenter nasce per informare sulle opportunità concrete – dichiara Antonio Candela CEO Universosud, azienda proprietaria del brand e creatrice del progetto – Eppela e il crowdfunding, in questo senso, sono un modo di possibilità, potremmo dire infinito, aperto a tutti perché si rivolge a una comunità ampia ed eterogenea come quella del web. Questo corso, che siamo orgogliosi di ospitare nel nostro centro, oltre ad informare, forma chiunque voglia partecipare sugli strumenti e i metodi più giusti per avere successo e candidare la propria idea, il proprio progetto.”

[button text=”Iscriviti subito!!!” url=”http://www.comincenter.com/prodotto/crowdfunding-con-eppela/” background_color=”#0095ff” text_color=”#ffffff” style=”lt_flat” size=”large” icon=”fa-arrow-right” open_new_window=”false” rounded=”true”]

Save the date: il 24 parliamo di cinema!

Hai partecipato al corso di video editing? Non hai partecipato ma lavori o ti interessa il futuro del cinema in Basilicata? Venerdì 24 marzo dalle ore 19, ci vediamo al Comincenter per l’ultimo appuntamento con Luca Acito e il corso di Video & Editing, tecniche per la creatività, promosso e organizzato da Universosud in collaborazione con Studio Antani.

L’incontro è un’occasione per presentare al pubblico i lavori dei 12 partecipanti al corso ma non solo. Con Paride Leporace, direttore della Lucana Film Commission, i ragazzi potranno confrontarsi sul futuro dell’industria cinematografica in Basilicata e sull’importanza di formare professionisti nel settore della produzione di video che possano lavorare in questo ambito.

 

Vuoi aprire una startup? Leggi qui! 😉

Start up, tutti ne parlano, pochi sanno cos’è, molti ne ignorano le potenzialità. Oggi è un termine che va molto di moda, complice la crisi o forse anche no. Si parla di start up per identificare l’avvio di un’attività imprenditoriale. Infatti “start up” vuol dire letteralmente “avvio”. Ma per avviarla l’idea non basta. All’idea deve seguire un piano e delle azioni bene precise. Quali? Continuate a leggere!

Se avete un’idea, prima di entrare in Camera di Commercio e adempiere a tutte le procedure burocratiche, dovrete innanzitutto fare delle analisi e buttare giù un bel business plan!

Ma come si scrive un business plan? Ve ne avevamo parlato in occasione del #Cominday2016 e potete trovare queste importantissime informazioni qui ( http://bit.ly/2hcU8jV).

Ora che avete un business plan avete bisogno di fondi per avviare la vostra impresa e un strategia di marketing che le permetta di farsi conoscere e raggiungere il target desiderato. 

“Ma dove posso trovare dei finanziamenti per la mia impresa?” Le opzioni sono due:

  • Partecipare a bandi regionali/statali.
  • Contattare dei Venture Capitalist a cui sottoporre la vostra idea sperando che piaccia e che quindi venga finanziata.

Per quanto riguarda la prima ipotesi, in questo momento, chi vuole aprire una Start up nella nostra regione è molto fortunato. Infatti grazie alle misure finanziarie promosse dalla Regione Basilicata, partecipando al Bando Start&Go, potrete ottenere fino al 60% a fondo perduto per l’avvio di una nuova impresa. ( Potete trovare il bando qui http://bit.ly/2l1oeZ5).

Per la seconda ipotesi vi consigliamo di seguirci, il #Cominday2017 non è poi tanto lontano😉

E per la strategia di marketing? Sarà uno degli argomenti dei prossimi articoli ma se volete approfondire l’argomento e apprendere come elaborare una strategia vincente per la vostra azienda non perdete il nostro corso di Social Media Marketing con Alessandro Martemucci. Se partecipate al bando Start&go con il nostro corso di 50 ore potrete avere 1 punto di credito in più nella graduatoria finale!

Info su http://bit.ly/2kJMeRg