Accordo CONunibas e Giovani UNESCO

Presentato a Potenza accordo CONunibas e  Associazione Italiana Giovani per L’UNESCO per la formazione nelle “industrie culturali e creative”

Il protocollo nazionale d’intesa è stato firmato dall’AD del Consorzio CONunibas dell’Università della Basilicata, Antonio Candela, e dal rappresentante regionale per la Basilicata dell’Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO, Luigi Zotta.
Sono previste attività di informazione, formazione, orientamento e progettazione per i giovani. L’obiettivo è  incrociare domanda e offerta a livello regionale, nazionale ed europeo con particolare riferimento alle industrie culturali e creative.
Il Consorzio CONunibas già svolge da anni attività di informazione e orientamento al lavoro, corsi di formazione e workshop sulle nuove professioni ed è spazio di co-working e matching che ad oggi conta su una community lucana di oltre 1.500 iscritti tra studenti, freelance, associazione e PMI.
Il Comitato Giovani UNESCO, composto da oltre 300 giovani tra i 20 e i 35 anni, fra cui studenti, ricercatori, artisti, professionisti, manager e imprenditori: si prefigge di supportare le attività della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO nel campo dell’educazione, della scienza, della cultura e della comunicazione, promuovendone progetti, valori e priorità nelle comunità locali.
“L’accordo CONunibas e Giovani UNESCO sancisce – ha spiegato Candela – una collaborazione di fatto nelle azioni, nata da un anno e mezzo, con il fine ultimo di costruire opportunità. Da settembre programmeremo attività congiunte, per sviluppare da subito un’azione pilota che sarà raccontata a livello nazionale da Unesco Giovani. Questo accordo con l’associazione nazionale è per noi motivo di grande orgoglio e ringraziamento, per continuare nella direzione di costruire relazioni e reti per migliorare le attività del Comincenter nella rete europea degli hub creativi”.
“Siamo orgogliosi – ha detto Zotta – di aver stabilito una sinergia importante con una realtà attiva su temi quali la formazione, il lavoro e le relative opportunità legate anche al comparto dell’industria culturale e creativa. Inizia oggi un percorso di collaborazione che porterà sicuramente un valore aggiunto alle possibilità che i nostri giovani potranno sfruttare per valorizzare competenze, realizzare sogni e finalizzare obiettivi”.

Competenze digitali per colmare il gender gap

L’imprenditoria femminile in Italia conta solo il 20%. Per colmare il gender gap tra imprenditoria femminile e maschile servono più competenze digitali.

La forza lavoro mondiale è composta in maggior numero da uomini, e a parità di mansioni le donne lavoratrici guadagnano meno. Le donne che fanno impresa in Europa e Nord America sono addirittura meno numerose che in Asia, dove le imprenditrici sono più numerose degli imprenditori.

E L’ ITALIA?

L’Italia, come nel resto dell’Occidente, vede soltanto un’attività imprenditoriale su cinque guidata da donne. La presenza femminile nelle start-up è addirittura inferiore a quella delle aziende tradizionali.

Eppure studi e ricerche internazionali rivelano che le donne sono più adatte ad individuare i bisogni del mercato e coglierne le opportunità. Le start-up fondate da donne hanno maggiore probabilità di ricevere investimenti rispetto a quelle fondate da uomini.

COME COLMARE IL GENDER GAP?

Molte ricerche confermano che per colmare il gender gap si può contare sulle competenze digitali. Sempre più richieste dalle imprese in fase di selezione, rimangono una prerogativa di candidati di sesso maschile.

Quindi, si deve, innanzitutto, intervenire sulla formazione acquisendo conoscenze e competenze in scienza, tecnologie, ingegneria e matematica in modo da riuscire a superare gli stereotipi di genere.

Un altro aspetto importante è l’avvento dell’automazione che ha fortemente ridotto la forza lavoro femminile.

In conclusione, per essere competitivi e appetibili nel mondo del lavoro odierno è bene accrescere le proprie abilità. Studiare, formarsi, migliorare conoscenze e competenze trasversali, lavorare sulla propria autostima e raggiungere un buon livello di sicurezza in se stessi, rappresentano la chiave per individuare nuove opportunità.

Il futuro del Hub Creativi in Europa

Qual è il futuro degli Hub creativi in Europa?

Dall’11 al 13 aprile ad Atene abbiamo partecipato al Meeting europeo degli Hub Creativi che ha visto la costituzione dellEuropean Creative Hubs Network. La rete Europea degli Hub creativi ha la missione di migliorare l’impatto economico, sociale e creativo degli Hub nei rispettivi territori di riferimento.

Il Comincenter e MateraHub sono gli unici due rappresentanti dal sud Italia e, in totale, sono stati selezionati 50 Hub creativi tra oltre 300 di 23 paesi dell’UE.

3 sono stati i principali temi affrontati dalla rete degli hub creativi:

  • il ruolo fondamentale degli hub per portare innovazione, cultura e creatività sui territori;
  • fonti di finanziamento da parte della commissione europea per potenziare il ruolo degli hub creativi sui territori;
  • formazione continua e relazione tra hub, industrie culturali e creative ed università.

Tutti gli Hub creativi hanno evidenziato la necessità di condividere risorse e strumenti utili a promuovere su tutti i territori di riferimento una cultura diffusa legata ai temi dell’internazionalizzazione e dell’innovazione sociale con numerosi obiettivi comuni tra cui la sostenibilità ambientale, la formazione continua ed il coinvolgimento delle community.

Partecipare alla riunione costituenda della rete ci ha fornito tantissimi spunti di riflessione sul nostro ruolo in Basilicata e sulle opportunità che possiamo cogliere e condividere grazie a questo network europeo.

Qual è il ruolo del Comincenter all’interno del network?

Il nostro focus sono le persone e la creazione di una community solida e forte.

Sempre di più e meglio lavoreremo per questo obiettivo. La nostra rete di relazioni reali è il nostro punto di forza e l’imminente apertura nel nuovo Campus di Lanera faciliterà la naturale crescita della community, non solo da un punto di vista numerico ma di valore che possiamo generare sul territorio.

Sul tema della formazione abbiamo portato la nostra esperienza di Consorzio ConUnibas con l’Università della Basilicata.  Questo tema ha attirato l’attenzione di molti partner europei che stanno lavorando proprio in questa direzione. Sappiamo di essere un modello di ispirazione per altri. Questo ci rende orgogliosi e ci mette davanti alla responsabilità verso i giovani di continuare ad essere un modello di riferimento.

Vogliamo continuare ad essere il

luogo delle opportunità

dove poter accedere a percorsi di formazione come Career Tools e Guru Talk

Insomma, non ci resta che continuare a fare il nostro lavoro e farlo al meglio!

L’occasione di far parte di questa rete ci mette nella condizione di avere amici e partner con cui condividere esperienze e da cui imparare molto, continuando a condividere le nostre esperienze!

 

Colloqui di lavoro, croce e delizia del candidato

Cos’è e come si affronta un colloquio di lavoro?

Quante volte vi siete chiesti: come mi vesto? Cosa dico? E se parlo troppo? E se, invece, parlo troppo poco?

Abbiamo chiesto qualche consiglio ai recruiter e agli addetti alla selezione di in.HR, Agenzia per il Lavoro che incontrano ed intervistano quotidianamente candidati alla ricerca di lavoro e di nuove opportunità; l’esperienza maturata nella rete di filiali distribuite su tutto il territorio nazionale ha permesso di capire quanto sia importante fare la giusta impressione a un colloquio di lavoro per risultare vincenti.  

Ed ecco qui quello che loro consigliano per affrontare al meglio questa tappa fondamentale per la tua carriera.

La preparazione al colloquio di lavoro

I colloqui mettono il candidato di fronte ad un selezionatore che cercherà, attraverso domande di varia natura, di capire se la persona in questione è quella giusta per ricoprire la posizione aperta.

Prepararsi per un colloquio di lavoro è una pratica fondamentale da cui dipenderà gran parte del risultato finale. I segreti per affrontarlo nel migliore dei modi sono:

  • Conferma la presenza alla convocazione a colloquio: Scrivi/comunica la risposta in maniera formalearrivando dritto al punto.
  • Raccogli informazioni dettagliate sulla società, visitando il sito dell’azienda, gli account social e cercando notizie utili.
  • Rileggi l’annuncio, la lettera di presentazione ed il curriculum prima del colloquio.
  • Dai importanza a come ti presenti: non ci sono regole generali ma occorre essere in linea con la posizione e lo stile dell’azienda per cui ci si propone (un lavoro creativo è diverso da un lavoro impiegatizio: l’abbigliamento deve essere consono e adatto al tipo di azienda e posizione).

Colloquio di lavoro: domande frequenti e struttura

Il colloquio è un’intervista. Alcune domande seguono spesso una struttura di 3 step principali.

Step 1: auto-presentazione, pregi e difetti

Spesso si parte con una presentazione libera del candidato. Occorre sfruttare questa opportunità preparando un discorso introduttivo su di te e sulla tua carriera che metta in luce gli aspetti significativi legati all’offerta di lavoro, in modo da risultare preparato e spigliato al momento di presentarti al recruiter.

Altrettanto spesso viene chiesto di specificare i propri pregi e difetti a colloquio: anche qui è fondamentale la risposta e dimostrare di avere le idee chiare sulla posizione a cui si aspira. È bene essere sinceri e fornire un quadro il più realistico possibile.

Step 2: La tua storia lavorativa

Arriva al colloquio avendo chiaro quello che devi raccontare delle tue esperienze precedenti senza perderti in dettagli insignificanti o omettendo informazioni importanti. Parti sempre dalle esperienze più recenti e scendi nei particolari quando ci sono punti di contatto con l’opportunità di lavoro che ti interessa.

Step 3: perché dovrebbero scegliere proprio te?

Questa domanda ha un obiettivo importante: valutare quanto sei in linea con l’azienda e la sua cultura. Il contesto lavorativo e il metodo di lavoro, infatti, sono diversi da azienda ad azienda, ed è importante per il recruiter capire se saprai ambientarti al meglio in quello che sarà il tuo futuro team o la tua nuova posizione.

Ricorda, il selezionatore cerca nel candidato:

Motivazione | Dedizione | Sintonia | Risultati 

Gli ultimi consigli: mantieni il focus e il giusto atteggiamento

Se sei realmente interessato a questo lavoro, devi cercare di tirare fuori il meglio di te nel tempo che hai a disposizione. Durante il colloquio di lavoro è importante:

  • dimostrare che questo lavoro è quello che vuoi;
  • porre domande pertinenti;
  • mostrare un buon senso dell’umorismo e cordialità ma senza esagerare;
  • sfruttare bene il tempo: una intervista individuale dura normalmente dai 20 ai 50 minuti, durante questo tempo è importante che tu mantenga la concentrazione e continui a mantenere alto il livello di interesse;
  • non perdere dettagli importanti;
  • essere puntuale;
  • ascoltare il selezionatore, non parlare male di nessuno, nemmeno dei precedenti posti di lavoro;
  • essere positivi, chiari e coerenti.

Diventa venditore: il colloquio è un momento in cui bisogna “vendere” se stessi. È importante mettere in primo piano gli aspetti positivi del proprio carattere e valorizzare le proprie esperienze, competenze e formazione riuscendo a convincere i selezionatori che sei la persona “giusta” per quel ruolo, ma attenzione a non esagerare!

Se questi consigli ti sono stati utili e se stai cercando lavoro abbiamo una Masterclass gratuita che potrebbe fare al caso tuo!

Relazione con il cliente e Social Media Marketing in partnership con in.Hr, Agenzia per il Lavoro

Una full immersion di 60 ore per acquisire le competenze utili per approcciare la clientela in maniera efficace, utilizzando una modalità comunicativa basata sull’ascolto per comprendere il fabbisogno anche non espresso dal cliente ed acquisire le basi del social media marketing utili ad avere un profilo professionale completo!

Solo 10 posti, invia la tua candidatura entro le ore 12.00 del 25 marzo!

Il negozio del futuro, persone o robot?

Nel negozio del futuro le persone saranno completamente sostituite dai robot?

Quali sono le trasformazioni che i brand hanno già messo in campo?

Mentre realtà virtuale, specchi interattivi e comandi vocali sono già realtà, il retail tradizionale è “sotto assedio”.

E allora come le risorse umane possono ancora fare la differenza rispetto ai robot e alla digitalizzazione?

Il ruolo delle emozioni

Le emozioni continuano a guidare le scelte delle persone coinvolte nei processi di acquisto, nella scelta dei canali da usare, siti da navigare, negozi da visitare.

In uno scenario multi-canale i negozi hanno il vantaggio di poter contare sulla fisicità delle interazioni con i prodotti e le persone per generare emozioni positive e magari sorprendenti.

L’insegna, così, diventa un Brand ‘top of mind’, trasformando la logica dell’acquisto da buying (devo fare la spesa, ho bisogno di un nuovo abito) in shopping (mi concedo un giro per vetrine).

Un’esperienza non basta, ci vuole una Wow Customer Experience

La trasformazione da spettatori-compratori a protagonisti

Le persone oggi hanno accesso alle stesse fonti di informazione, sono sempre più consapevoli delle scelte e desiderose di farle in libertà. Questa rivoluzione può diventare un’opportunità, coinvolgendo i clienti in percorsi di co-progettazione, trasformandoli in ambasciatori del Brand, valorizzandoli come early adopter dei nostri nuovi lanci di prodotto.

L’importanza di una strategia di social media marketing

Le mode, al giorno d’oggi, vengono create anche dai trend e dai prodotti più popolari sui social network (soprattutto Instagram e YouTube). A questo si aggiunge il fatto che le aziende, sempre più spesso, si affidano ai cosiddetti influencer, personaggi famosi a vario titolo che indossano/utilizzano prodotti nelle loro apparizioni online. 

Quindi, l’addetto alle vendite del futuro, anzi del presente, cosa dovrà fare?

  • far vivere un’esperienza di acquisto
  • ispirare le persone
  • offrire un servizio personalizzato
  • creare una relazione umana

Per questo abbiamo creato una Masterclass in

Relazione con il cliente e Social Media Marketing in partnership con In.Hr, Agenzia per il Lavoro

Una full immersion di 60 ore per acquisire le competenze utili per approcciare la clientela in maniera efficace, utilizzando una modalità comunicativa basata sull’ascolto per comprendere il fabbisogno anche non espresso dal cliente ed acquisire le basi del social media marketing utili ad avere un profilo professionale completo!

Solo 10 posti, invia la tua candidatura entro il 25 marzo!

 

[Ph. Pagina Facebook di L’Estetista Cinica, un esempio di Wow Experience e di come dalla vendita online si passa alla vendita offline restando fedeli al brand e ai suoi valori]

Masterclass in: Relazione con il cliente e social media marketing

A Matera la prima Masterclass in: “Relazione con il cliente e Social Media Marketing”

Comincenter in partnership con In.Hr, Agenzia per il Lavoro

Un percorso formativo di 60 ore completamente gratuito!

 

Una full immersion di 60 ore per acquisire le competenze utili per approcciare la clientela in maniera efficace, utilizzando una modalità comunicativa basata sull’ascolto per comprendere il fabbisogno anche non espresso dal cliente ed acquisire le basi del social media marketing utili ad avere un profilo professionale completo!

Solo 10 posti, invia la tua candidatura entro le ore 12.00 del 25 marzo!

Perché partecipare?

Se il mondo del lavoro cambia, anche noi dobbiamo cambiare!

Dimentichiamo il vecchio concetto di commessa, segretaria o di addetto al ricevimento in hotel.

Oggi le aziende cercano persone dinamiche e preparate, capaci di ascoltare il cliente e con ottime doti di vendita. Una buona capacità di gestire i social media aziendali è il plus che l’addetto alle vendite oggi deve avere per completare il suo profilo professionale!

 

Il corso è completamente gratuito ed è rivolto a persone disoccupate e inoccupate che vogliono acquisire competenze e strumenti utili e spendibili nei settori del commercio e turismo e desiderano specializzarsi e lavorare come:

  • commesso/a
  • receptionist
  • segretario/a
  • desk manager

 

Il percorso formativo si estende su 60 ore di formazione di cui:

32 ore di lezione dinamica

16 ore di workshop

8 ore di teoria su contrattualistica e sicurezza sul lavoro

4 ore di simulazione di colloquio

 

Di cosa parleremo?

  • regole base di comunicazione
  • analisi del cliente
  • processo di comunicazione
  • tecniche di vendita diretta/telefonica
  • social media marketing
  • grafica per i social media

A questi si aggiungono importanti contenuti utili ad acquisire competenze trasversali:

Sicurezza sul lavoro | Diritti e doveri del lavoratore | Scrittura del CV e simulazione del colloquio

 

Calendario del corso:

2 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

3 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

5 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

8 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

9 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

11 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00

17 aprile | 9.00-13.00 e 14.00-18.00 

18 aprile | 9.00-13.00

 

Dove?

La Masterclass si svolgerà a Matera presso l’Associazione Giallo Sassi in Via Cappelluti, 16

 

Docenti:

Antonio Candela, Ceo di Universosud e Comincenter, certificatore casa clima, certificato RSPP rischio basso, addetto prevenzione incendi e gestione delle emergenze per le aziende

Stefania Clemente, Community Manager del Comincenter e docente e consulente di Social media marketing e Personal Branding

Danilo F. Barbarinaldi, Illustratore e grafico, finalista al Lucca Comics e selezionato al primo Bao Publishing Master

In.Hr Agenzia per il Lavoro, società specializzata in consulenza alle imprese e nella ricerca, selezione e formazione delle risorse umane in modo etico e responsabile, impegnandosi a garantire legalità, sicurezza e trasparenza

 

Come partecipare?

La Masterclass è completamente gratuita e saranno ammessi solo 10 partecipanti, su selezione.

Invia qui la tua candidatura entro le ore 12.00 del 25 marzo!

Direzione Asia, siete pronti?

BORSE DI STUDIO IN GIAPPONE PER LAUREATE INTERNAZIONALI

La Japanese Association of University Women, un’associazione di donne universitarie giapponesi, offre borse di studio a studentesse internazionali con l’obiettivo di permettere a giovani ricercatrici e laureate di trascorrere un periodo di 4 o 6 mesi in un istituto di ricerca in Giappone.
 

REQUISITI

  • essere donne (non giapponesi)
  • avere meno di 45 anni 
  • essere in possesso di diploma di master o superiore
  • aver ottenuto consenso presso istituto/università dove si ha intenzione di svolgere le ricerche
PERIODO DELLA BORSA: da ottobre 2019 a marzo 2020

SCADENZA: 31 MARZO 2019 – INFO
 
 
 
 
BORSE DI STUDIO PER MASTER O DOTTORATO IN COREA
 
Il Ministero dell’Istruzione, delle scienze e della Tecnologia della Corea del Sud, mette a disposizione delle borse di studio per master e dottorati, a cui possono accedere anche gli studenti italiani.  
 REQUISITI 
  • avere al massimo 40 anni entro il 1 settembre 2019
  • laurea triennale per richiedere la borsa per il master
  • laurea specialistica per richiedere la borsa per il dottorato
  • sono ammessi coloro che otterranno il titolo entro il 31 agosto
LINGUA RICHIESTA: coreana o inglese
OFFERTA
  • Tutti i campi di ricerca sono accettati, con preferenza per le scienze naturali e l’informatica.
  • 24 mensilità per il Master
  • 36 mensilità per il Dottorato.
  •  I corsi sono preceduti da 12/18 mesi di corso di lingua coreana, salvo per i candidati in possesso di certificato di attestazione della conoscenza della lingua coreana TOPIK livello 5 o 6
  • importo mensile è di circa 750 euro più diversi benefit tra cui biglietto aereo andata-ritorno, tasse universitarie, spese per il corso di lingua, spese per rilegatura tesi finale etc.
 DATA INIZIO BORSA: 1 settembre 2019 (entrata in Corea tra il 23 e il 27 agosto 2019)  
CANDIDARSI ENTRO VENERDÌ 8 MARZO 2019 – INFO

Questa estate l’Europa è il luogo giusto!

Se anche per te questa estate l’Europa è il luogo giusto, allora non lasciarti scappare questa occasione!
European Space Camp è un campo estivo che si svolgerà  dal 8 al 15 Agosto 2019 ad Andøya Rocket Range, in Norvegia. Studenti delle scuole superiori di tutto il mondo, dai 17 ai 20 anni, interessati allo spazio e le scienze, e con conoscenze in fisica e matematica, sono invitati a partecipare.
 I partecipanti trascorreranno una settimana svolgendo esperimenti tecnici previsti in una campagna di ingegneria missilistica, lavorando come un vero ingegnere missilistico, imparando a sfruttare la conoscenza che già possiedono, ed approfondendo la loro comprensione delle scienze applicate.
REQUISITI

– età tra i 17 e i 20 anni
– buona conoscenza dell’inglese e conoscenze di fisica e matematica
European Space Camp coprirà le spese di vitto e alloggio dei partecipanti e i costi di trasposto dall’aeroporto di Andenes allo Space Center.
SCADENZA – 1 APRILE 2019
Prendi tutte le informazioni qui e preparati a partire!
E se invece stai cercando una opportunità di mobilità professionale in Italia o all’estero, ti consigliamo di consultare il Portale dei Giovani!

5 Soft Skills che ti serviranno quest’anno

Quali sono le soft skills che dovrai “rafforzare” per affrontare questo e i prossimi anni?

Rafforzare una soft skill è uno dei migliori investimenti che puoi fare per la tua crescita professionale!

Le soft skills non passano mai di moda!

L’intelligenza artificiale sta rendendo sempre più importanti le soft skills, poiché sono proprio il tipo di abilità che i robot non possono automatizzare.

Ecco perché oggi il 57% dei senior leader afferma che le soft skill sono più importanti delle hard skills.

E allora quali sono le soft skills che le aziende cercano maggiormente nel 2019?

Creatività –  Perché è importante? Mentre i robot sono bravi a ottimizzare le vecchie idee, le organizzazioni hanno più bisogno di impiegati creativi in ​​grado di concepire le soluzioni di domani.

Persuasione – Perché è importante? Avere un grande prodotto, una grande piattaforma o un grande concetto è una cosa, ma la chiave è persuadere le persone a comprarlo.

Collaborazione – Perché è importante? Man mano che i progetti diventano sempre più complessi e globali nell’era dell’intelligenza artificiale, la collaborazione effettiva diventa sempre più importante.

Adattabilità – Perché è importante? Una mente adattabile è uno strumento essenziale per navigare nel mondo in continua evoluzione di oggi, poiché le soluzioni di ieri non risolveranno i problemi di domani.

Gestione del tempo – Perché è importante? Un’abilità senza tempo, padroneggiare la gestione del tempo oggi ti servirà per il resto della tua carriera.

Se vuoi saperne di più ti aspettiamo giovedì 21 febbraio alle 17.30 al Comincenter per il Guru Talk

 

e il 26 febbraio è in partenza il workshop di Social Media Marketing!

Corso di “Inglese per il settore turistico”

Sei un imprenditore o un dipendente in ambito turistico e vuoi partecipare ad un Corso di Inglese turistico?

Il corso di “Inglese per il settore turistico” ha l’obiettivo di formare i partecipanti e renderli autonomi e capaci di gestire efficacemente una conversazione in lingua inglese.

Il partecipante al termine del corso sarà in grado di accogliere il cliente, fornire informazioni, rispondere adeguatamente alle richieste, gestire i reclami.

Il corso avrà i seguenti focus:

  • verbi
  • frasi standard ed espressioni idiomatiche
  • descrizioni di servizi
  • terminologia del settore turistico
  • realizzare una conversazione efficace con il cliente in lingua inglese, sia in presenza che telefonicamente.
  • accogliere il cliente nella propria struttura ricettiva e svolgere la propria attività di front-Office/al desk/al banco/al tavolo
  • Fornire al cliente tutte le informazioni di cui ha bisogno, rispondere alle sue richieste e gestire i reclami
  • Acquisire la terminologia specifica del settore turistico e di tutti i servizi che ruotano intorno alla figura professionale

Il corso ha una durata di 60 ore e si rivolge a

  • lavoratori con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato;

  • Soci lavoratori di società cooperative iscritti a libro paga;

  • titolari d’impresa

  • Imprenditori e dipendenti di tutte le strutture ricettive e di tutti gli esercizi commerciali presenti sul territorio, dall’albergo al panificio, dal ristorante ai tabacchi.

Sono esclusi i lavoratori con contratto di apprendistato, a meno che il progetto non tratti di contenuti aggiuntivi rispetto a quelli del piano formativo.

in modo da formare tutti gli operatori della filiera turistica locale della zona geografica della Val d’Agri e del Lagonegrese.

Come candidarsi?

Se sei interessato al corso invia una mail entro il 20 febbraio con i tuoi dati a stefania@comincenter.com